PINA VIOLET

SPLENDIDA PREMIAZIONE A LERICI
SPLENDIDA PREMIAZIONE A LERICI

 

 MIEI CARI NEL VENTO

                            

 

(immagine cara)

 

         Come sospesa

         tra spazio e tempo,

         i piedi miei

implantano asfalto.

Cammino nel vento,

mi sfiora i capelli,

mi spolvera tutta

dall’ire del giorno;

m’affiorano invece

dolcissimi i volti

dei cari miei,

anch’essi nel vento,

mi danzano attorno

a suon del mio passo,

sorridono insieme

d’armonica intesa,

guardandomi buoni,

d’aspetto quieti

e mostran perdono

non dolore,

il giovane errare mio,

adesso,

è solo tenerezza.

 

 

 

 

 

                              

RICORDO D’INFANZIA

 

                                     Partire, tornare

                                                              tornare, partire,

           rivedo l’arco bello

           la lunga scalinata,

           la casa, il portone

           e donne sedute

           a parlare di sé.

           La palla sbiadita

           rimbalza sul muro

           già sporco,

           poi giù, sulla strada,

           dove passeggia

           la gente

           accaldata e languida

           e il sole infuocato

           annuncia la sera,

           e mamma….

           mi grida che è tardi,

           che devo rientrare.

            Partire, tornare,

           tornare, partire,

           in questo teatro mio,

           intimo, d’infanzia.

 

 

     ADOLESCENZA

                

                                        Ripenso

                         all’età più bella,

                         quando ancora

                         coscienza non impera.

                         Soffriva Giacomo

                         d’acerba inquietudine,

                         subendo le usanze

                         di Recanati antica

                         e tacito viveva

                         scorgendo il senso

                         dell’agire fanciullo

                         della sua donzelletta.

                         E nell’età mia più bella

                         qual è stata la festa?

                         Giorni lunghi

                         e pigri,

                         alla scrivania,

                         sul vetro

                         i tetti in fronte,

                         alla finestra

                         la lunga scalinata

                         e passanti stanchi

                         o forse allegri.

                                     E poi…

                         giungendo il sonno,

                         ripropormi un domani.

 

 

 PINA VIOLET

                                      

 

 

RECANATI 20 MARZO -Giornata Mondiale della Poesia2011
RECANATI 20 MARZO -Giornata Mondiale della Poesia2011

 

BIOGRAFIA
Pina VIOLET , nata e residente in Ancona.

Laurea in Servizio Sociale alla Facoltà di Economia di Ancona, dopo biennio Facoltà di Filosofia e pedagogia ad Urbino. In servizio presso l'Università Politecnica delle Marche.
Coltiva interesse per la musica fin dall'infanzia. E’ stata Corista nei Cori Marini e Ferretti ed attualmente nel Curzi di Ancona.

Ha iniziato a comporre versi poetici nella tarda adolescenza, intensificandone la produzione in età adulta.

La sua è una poesia di riflessione intima e dell’animo umano tendente ai limiti delle problematicità esistenziali, di osservazione e descrizione dei sentimenti ed emozioni dell’uomo, come creatura elaborata e complessa, inserita in un contesto sociale fortemente pragmatico, ma contemporaneamente proiettata nella dimensione del sentimento e del trascendente.

Dal 2000 le sue composizioni sono presenti nell’Antologia Marchigiana Voci Nostre , nel Bollettino Lettere dalla Facoltà di Medicina di Ancona e nell’Antologia dell’Ateneo per le Poetiche Europee di Roma, nelle riviste l’Alfiere di Firenze e di Penna d’Autore di Torino.

Nel 2001 ha pubblicato la prima Raccolta“Umanissime Emozioni”nell’ambito di un Meeting Internazionale all’Università di Ancona.

Nel 2011 la Raccolta “Come quando ti scrivo…” Collana PaginElette, Ed. Voci Nostre di Ancona, che ha presentato alla Fiera Internazionale del Libro di Torino con la Regione Marche.

Da una decina di anni partecipa ad Incontri Culturali di Poesia in molte città d’Italia , organizzandone anche di “Poesia e Musica” con i suoi amici musicisti.

Nel 2010 alcune sue liriche, tra cui “Miei cari nel vento”, sono state presentate e discusse da Gabriele La Porta nel Palinsesto Notturno della Rai TV .

Ha vinto premi e segnalazioni nazionali ed internazionali, tra cui ultimamente:

- ACSI “Firenze Capitale d’Europa” nel Maggio 2010;

- Prestigioso Premio LERICI-PEA di La Spezia nel Settembre 2011, nella cui Antologia è

pubblicata la sua lirica “Inquietudine”.

- Premio Alfieri “la poesia salva la vita” in ASTI – Ottobre 2011.

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE