LUIGI ABBRO

IL POETA BERSAGLIERE

Sono le impressioni che uno sprovveduto ventenne (il sottoscritto) provò il giorno in cui varcava  il portone di una caserma trovandosi catapultato in un mondo che all’istante sembrava più vicino ad un manicomio. Il giorno dopo cominciava quello che oggi definisco “ un sano massacro  che  inspiegabilmente  (  .. ma non tanto)  si rimpiange .

 

 

 

 

LUGLIO ‘67

 

Era nu juorno ‘e  luglio d’o sissantasette

quanno trasette dint’a na caserma.

Quanno varcaie o’ purtone non capette niente.

Allucche ,strille,  guagliune che currevano

cu’ a lengua ‘a fora e fracete e surore.

Chi ritto sull’attenti,

chi arrancava pecchè nun ce ‘a faceva,

chi assettato ‘ncoppa a nu scalino

e che chiagneva comm’a nu criature.

- Madonna mia! Ma addò so capitato?

Chesta è caserma,spitale o pazzarìa?- Povere guagliune penzaie ‘ncapa  me                                                                                                                    senza sapè chello  che m’aspettave.

…….O juorno roppo currevo pur’io

‘nzieme a chilli disgraziati.

    -Ma che aggio fatto ‘e male?                                                                                                                            -A chi aggio acciso p’ammeretarme chesto?

-Chisto so ‘e bersagliere? E chi se l’aspettava!

Nu bello juorne s’appresentaie ‘o tenente

e ce dicette “ Guagliù ! vulite ‘e ppenne?

v’ann’ ascì primma  pe…. n’ata parte;

pò v’e mettite n’capo!

E comme infatti overo  accussì fuie.

Ogni matina corze,zumpe,arrampecate e’ fune

avettemo figlià ‘e ppenne a uno a uno.

Ma quanno fuje  ‘o juorno d’o giuramento

e   ‘nce mettettemo ‘o cappiello ‘a primma vota

ognuno ‘e nuie,guardannese int’ o specchio,

cu ll’uocchie che redevano  dicette: “Quant’è bello!                                                                                                   “E chi s’o  leva cchiù !”… E accussì è stato.

Ve pare strano eppure è overamente

ma quanno tiene n’capo stu cappiello

te scuorde ‘e tutte  ‘o sanghe che ‘e jettato.

Non vire l’ora e  correre; vuò accumincià d’o capo.

Pure si non ce ‘a  faje  e saje che schiatte

ce pruove  ‘o stesso: non te ne strafotte.

Sarrà ll’urdema vota? E cosi sia!

… Quant’anne so passate a chillu juorno?

E chi ha cuntato cchiù! Tanto non serve!

Vint’anne tenive allora e vint’anne tiene mò.

 

 

 

L’incontro

 

Si lasciarono al liceo

e per circa qualche lustro

non si erano più viste.

Poi per caso un bel mattino

tra un caffè e un cappuccino

si incontrarono in un bar.

Baci,abbracci e rimpatriate

sui bei tempi ormai passati.

 

-Dimmi un po’ mia cara Anita

Cosa fai nella vita?

Tu a scuola eri un portento

e di certo il tuo talento

ti ha portato a vette ambite

cui si aspira nella vita.

 

- Nonostante il mio talento

la mia vita non è esaltante:

sono semplice insegnante

al liceo Mercadante.

 

 Vita piatta e trasparente.

Qualche svago solo in estate

per modestia delle entrate.

E la tua vita come va?

 

- La mia vita va alla grande.

Viaggio spesso in tutto il mondo.

Francia,Spagna e Stati Uniti

son le mete preferite.

In inverno sto a Cortina

e d’estate a Portofino.

Vesto Armani e Valentino,

ho visoni e zibellini,

ho una Rolls , due Ferrari,

yacht, ville e casolari.

 

- Mi compiaccio veramente

pur se ciò è sorprendente.

Tu non eri una gran mente.

Quali doti hai sfoderato

per far vita così agiata?

Hai per caso ereditato                                                                                                                                              da un parente altolocato

o hai vinto all’enalotto?

 

- No, Anì ! faccio ‘a mignotta.

 

 

 

                                                                                      Luigi Abbro

 

 

Chirurgia plastica

 

 

Una donna ancor piacente

superato avea i cinquanta,

ma il tempo che è inclemente

già agiva lentamente

con effetti devastanti.

Volle quindi rimediare

e un chirurgo interpellare.

Pria di andar al gran consulto

compilò una bella lista

dei difetti più in vista.

Poi andò all’appuntamento

con baldanza e sicurezza.

Lei nutriva la certezza

che con piccoli interventi

ritornar potea attraente.

- Mio carissimo dottore,

disse quindi la signora,

la sua fama è a tutti nota

per aver sempre ridato

la bellezza ormai sfiorita.

Io son qui in tal contesto

ed ecco qua le mie richieste:

due tettone belle sode,

un nasino un po’ all’insù,

labbra turgide e carnose,

una bella stiratina

e via le zampe di galline,

ventre piatto,vita stretta,

un bel cu … un sedere prorompente

che voltar faccia la gente

ed infine sopra al viso

mi ci stampi un bel sorriso.

Questo è quanto io vorrei.

Si può far ? mi dica lei.

- ….Sì… ma avite a jie a Pompei !

 

Luigi Abbro

 

"Chirurgia plastica" si è aggiuducata il 2° posto - nel 2010 - nella sezione "poesia comica" del premio "Massimo Troisi".

‘A PRIMMA VOTA

 

 

 

ERO ANCORA GIUVINOTTO QUANNO L’AGGIO CONOSCIUTA.

PELLE BIANCA COMME ‘A NEVE,CORPO SNELLO E AFFUSOLATO.

CHI L’AVEVA CONOSCIUTA ME DICEVA :-LASCIA ‘A STA’.

TU SI’ ANCORA NU’ GUAGLIONE. CHELLA E’ FURBA E T’ARRAVOGLIA

E NON TE PUO’ CCHIU’ LIBERA-’. MA IO, TUOSTO, ‘NCE PRUVAIE.

FACETTE ANEMA E CURAGGIO E NA’ SERA DINTO ‘O SCURO

STEVO SULO ‘NZIEMA A ESSA. ME GUARDAIE TUORNO TUORNO

COMME FOSSO NU’ MARIUOLO, SENZA DI’ UNA PAROLA

E TREMMANNO TUTTO QUANTO L’AFFERRAIE CU’ NA MANO

E L’ACCUSTAIE A VOCCA MIA. M’ASPETTAVO NU’ RIFIUTO,

ESSA INVECE SE ‘NFUCAIE E NON ME LASSAVA CCHIU’.

RIMMANETTE ‘MBAMBULATO,M’A GUARDAVO E SUSPIRAVO,

ME SENTEVO N’OMMO OVERO. ESSA LLA’ SENZA DI’ NIENTE

SE FACEVA PICCERELLA E SI PURE NON PARLAVA

ME ‘NVUGLIAVA A CONTINUA’. E ACCUSSI’ JETTEMO ANNANZE

TRA SUSPIRE ‘E FUOCO ARDENTE.

NUIE CREDEVEMO ‘E STA’ SULE,CHE NISCIUNO ‘NCE VEDESSE

QUANNO INVECE ALL’INTRASATTA CUMPARETTE NU’ SIGNORE

CHE PASSAVA ‘A CHELLA PARTE. ME FACETTE RUSSO RUSSO

E CERCAIE D’ANNASCONNERLA:NON VULEVO CHE ‘A VEDESSE

MENTRE ‘NCAPO A MME’ PENSAVO:- OH MADONNA, CHE FIGURA!

CHILLO ,INVECE, ABBUZZANNO NU’ SURRISO

S’ACCUSTAIE ‘A PARTA MIA CHE ERO TUTTO ‘MBAMBARUTO

E DICETTE :- GIUVINO’, MA CHE D’E’? E’ ‘A PRIMMA VOTA?-

SENZA DI’ UNA PAROLA IO FACETTE ‘E SI CU’ ‘A CAPA

-MO PERO’ L’E ‘A FERNI’.TE CUNZIGLIO D’A LASSA’.

-E PECCHE’? .. E’ ACCUSSI’ BELLO!

-SARRA’ BELLO – RISPUNNETTE –

MA E’ RIMASTO SULO ‘O FILTRO! E’ FERNUTA ‘A SIGARETTA!

 

 

A MAMMA

 

 

STA ‘NCHIUVATO ‘NCOPPA ‘A NA SEGGIA.

NON SE MOVE,NON CAMMINA

E NON PO’ MANCO PARLA’.

MA ‘A MAMMA NON ‘O LASSA

E CONTINUA A STARLE APPRIESSO.

NON ‘O FA MANCA’ MAI NIENTE

E ‘NCE PARLA COMME A UNO

CHE CAPISCE E CHE RISPONNE.

E FACENNO ‘O PIZZO A RISO

L’ACCAREZZA,PO’ S’O VASA

E CONTINUA A FATICA’

PURE SI NON CH’A FA CCHIU’.

MA LUNTANO A CHILLU FIGLIO

CHIAGNE LACREME CUCENTE

QUANNO E’ SOLA E S’ADDIMANNA:

- CHE SARRA’ ‘E CHISTO FIGLIO

QUANNO IO NON CE STO CCHIU’ ?

- CHI NE PO’ SENTI’ ‘A VOCE

PURE SI NON PO’ PARLA’ ?

- CHI GUARDANNOLO DINTO ALL’UOCCHIE

PO CAPI’ CHELLO CHE VO’?

- CHI STARRA’ SCETATO ‘A NOTTE

A GUARDARLO MENTRE DORME?

CHISTU FIGLIO SVENTURATO

CHE ‘O CIELO M’HA MANNATO

RAPPRESENTA ‘A VITA MIA.

QUANNO VENE L’ORA MIA

NON ‘O POZZO LASSA’ CCA’.

FORSE FACCIO NU PECCATO

MA QUANNO IO ME NE VACO

O VULESSE ‘NZIEME A MME’.

E ACCUSSI’ ALL’ATO MUNNO

IO ‘O CONTINUO A M’ABBRACCIA’

E SI AVESSE AVE’ PAURA

IO LE DICO :- STA TRANQUILLO

CCA’ CE STA’ SEMPE MAMMA’

 

Luigi Abbro

 

 

 

 

" Premio Termopili D'Italia" Castelmorrone (CE) - 2° classificato- luglio 2009.
" Premio Termopili D'Italia" Castelmorrone (CE) - 2° classificato- luglio 2009.

Sono un bersagliere ed attualmente sono il Presidente della Sezione di Caserta dell'associazione nazionale bersaglieri. Scrivo da pochissimo tempo (2007 per la precisione) L'esordio avvenne nel 2007 quando in occasione del raduno nazionale bersaglieri tenutosi a Napoli fu indetto un concorso a livello nazionale di poesia che avesse a tema " i bersaglieri". Mai scritto prima di allora. Ebbi l'ardire di partecipare  ..... e vinsi il 1° premio. Da allora ho "osato" ancora partecipando ad altri concorsi piazzandomi sempre con onore.

Nel 2009 mi classificai 2° in due concorsi nazionali ( "Termopili d'Italia" - Caserta -   ed "Il Saggio" - Eboli- SA) 
con la poesia in dialetto napoletano "  'O Nonno" dove trattavo il problema della vecchiaia. Nel 2010, tra l'altro, ho partecipato al concorso di poesia comica nell'ambito del "Premio Massimo Troisi" tenutosi nel dicembre scorso  a S.Giorgio a Cremano(NA)  - città natale di Troisi - classificandomi al 2° posto con la poesia "Chirurgia Plastica". Nello stesso periodo  ottenni un 5° posto per la narrativa in un concorso indetto a Caserta con il racconto "La recita del venerdì santo". Lo stesso racconto quest'anno ha avuto una menzione d'onore al premio "Città di Valenzano"
Ed infine il piazzamento al Vs concorso "LA PURTANNARA" 
Il Saggio - Citta di Eboli"(SA)-" 2° classificato- luglio 2009. Targa premio "Il Saggio-città di Eboli(SA)- consegnatoo dall'Assessore alla cultura del Comune di Eboli.
Il Saggio - Citta di Eboli"(SA)-" 2° classificato- luglio 2009. Targa premio "Il Saggio-città di Eboli(SA)- consegnatoo dall'Assessore alla cultura del Comune di Eboli.

 

A NOTTE

 

MISTERO ‘E SILENZIO

VELATO ‘E PAURA

CHE COMME ‘A CAREZZA

T’ABBRACCIA DINTO ‘O SCURO

E APPENNE ‘A NU FILO FINO ‘A DIMANE

AFFANNE E PIACERE,GIOIE E DULURE,

E CCOSE NON FATTE LASSATE SUSPESE

CHE HANNO RIGNUTE ‘A JURNATA PASSATA. CHI DORME ,CHI VEGLIA, CHI CHIAGNE, CHI PREJA,CHI AFFIDA A DIMANE

TUTTE ‘E SPERANZE.

LL’ORE SO’ LONGHE ,NON PASSANO MAIE.

DINT’O SCURO D’A NUTTATA

RIESTE SULO CU ‘ E PENZIERE.

T’ARRICUORDE D’O PASSATO,

T’ARRICUORDE ‘E TANTA GENTE,

T’ARRICUORDE ‘E QUALCHE D’UNO

CHE E’ RIMASTO DINTO ‘O CORE

E CHE NON E’ VISTO CCHIU’,

PIENZE ‘E SBAGLIE CHE E’ FATTE

E CHE MO’ NON ‘E FACISSE .

PIENZE ‘E FIGLIE,ALL’AVVENIRE,

E ‘O CORE TE SE STREGNA

SI NON TRUOVE NA’ RISPOSTA.

CHIANO CHIANO LENTAMENTE

S’ACCUMMENCE A VEDE’ ‘A LUCE.

A ‘O PRIMMO CHIARORE SCUMPARE ‘A PAURA

E PURE SI SAIE CHE AFFANNE O DULORE

SARRANNO PRESENTE PURE DIMANE, AGGRAPPATA ‘A NU FILO DINTO ‘A N’ANGULO

E CORE C’E’ RESTA ‘A SPERANZA

CHE ‘O JUORNO CHE VENE

PO’ ESSERE MEGLIO ‘E CHILLO PASSATO.

 

                                                                        LUIGI ABBRO

 

 

 LA NOTTE

(TRADUZIONE)

 

 

MISTERO SILENTE DI VAGA PAURA

CHE COME CAREZZA

TI AVVOLGE NEL BUIO

E APPENDE AD UN FILO FINO A DOMANI

AFFANNI E PIACERI,GIOIE E DOLORI,

COSE NON FATTE LASCIATE SOSPESE

CHE HANNO RIEMPITO IL GIORNO TRASCORSO.

CHI DORME, CHI VEGLIA,CHI PIANGE, CHI PREGA, CHI AFFIDA AL DOMANI

LE PROPRIE SPERANZE.

LE ORE SON LUNGHE,NON PASSANO MAI.

AL BUIO DELLA NOTTE

RESTI SOLO COI TUOI PENSIERI.

RICORDI IL PASSATO,

RICORDI PERSONE

RICORDI QUALCUNO

CHE E’RIMASTO NEL CUORE

CHE NON HAI PIU’ RIVISTO

RIPENSI AGLI ERRORI

CHE OR NON FARESTI.

PENSI AI FIGLI E AL LORO AVVENIRE

E IL CUOR TI SI STRINGE

SE NON TROVI UNA RISPOSTA.

PASSA IL TEMPO PIANO PIANO,

PIANO PIANO,LENTAMENTE

S’INTRAVEDE GIA’ LA LUCE.

AL PRIMO CHIARORE VA VIA LA PAURA

EPPUR SE TU SAI CHE AFFANNI O DOLORI

SARANNO PRESENTI ANCHE DOMANI,

AGGRAPPATA AD UN FILO IN UN ANGOLO

DEL CUORE C’E’ SEMPRE LA SPERANZA

CHE IL GIORNO CHE VIENE

POSSA ESSERE MEGLIO DI QUELLO PASSATO.

 

O BARBONE

 

CUMMIGLIATO ‘A QUATTE STRACCE

NCOPPO ‘E GRARE ‘E CHESTA CHIESA

SE CUNZUMA ‘A VITA MIA.

UOCCHIE ‘NTERRA P’ A’ VERGOGNA

MANA STESA P’O BISOGNO.

QUACCHEDUNO STA’ PENZANNO

CHE STO’ SULO RECITANNO.

NO !…. ‘NCOPPA ‘A SCENA ‘E CHESTA VITA

IO SO’ SULO N’A CUMPARZA

E NON CERTO ‘O PRIMM’ATTORE.

PURE IO AVARRìA VULUTO

NA’ GUAGLIONA ‘A VULE’ BENE,

NU’ CRIATURO ‘A CUNNULIA’,

O CALORE E N’AMICIZIA.

MA DESTINO ‘NFAME ASSAIE

-CHE ‘O CONOSCE SULO ‘DDIO-

ME MURTIFICA E ME STRUIE.

SI ‘A VITA M’E’ NEMICA

MANCO ‘A MORTE ME CUNZOLA.

QUANNO IO SARRAGGIO MUORTO

NON CE STA’ NE’ FUNERALE

NE’ N’A LACREMA CHIAGNIUTA.

SONGO ZERO DINT’A STA’ VITA

SONGO ZERO PURE ‘A MUORTO.

E TRASCINO L’ESISTENZA

TRA DISAGGE E INDIFFERENZA

- CHE E’ PEGGIO ‘E TUTTE ‘E MALE -

CUMMIGLIATO SULO ‘E STRACCE

CHE SO’ FRIDDE QUANNO E’ VIERNO

E BULLENTE QUANNO E’ ESTATE.

OGNI TANTO GUARDO ‘O CIELO

E A MODO MIO PREJO A DDIO

SI OGNI TANTO S’ARRICORDA

E GIRARSE ‘A PARTA MIA

NON PECCHE’ VOGLIO RICCHEZZE

MA ‘O CALORE ‘E QUACCHE AMICO

 

 

 

 

 

 

Luigi Abbro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL BARBONE

(TRADUZIONE)

 

 

RICOPERTO DA QUATTRO STRACCI

SUI GRADINI DI QUESTA CHIESA

SI CONSUMA LA MIA VITA.

SGUARDO A TERRA PER VERGOGNA

MANO TESA PER BISOGNO.

QUALCHEDUNO STA PENSANDO

CHE STO SOLO RECITANDO.

NO ! SULLA SCENA DELLA VITA

SONO SOLO UNA COMPARSA

E NON CERTO IL PRIM’ATTORE.

ANCHE IO AVREI VOLUTO

UNA DONNA DA AMARE,

UN BAMBINO DA CULLARE,

IL CALORE DI UN AMICO.

MA DESTINO ASSAI INFAME

- SOLO A DIO CONOSCIUTO –

MI MORTIFICA E MI STRUGGE.

SE LA VITA MI E’ OSTILE

NEANCHE MORTE MI CONSOLA.

QUANDO IO SARO’ FINITO

NON AVRO’ UN FUNERALE

NE’ UNA LACRIMA VERSATA.

SONO ZERO NELLA VITA

SARO’ ZERO NELLA MORTE.

E TRASCINO L’ESISTENZA

TRA DISAGI E INDIFFERENZA

- CHE E’IL PEGGIOR DI TUTTI I MALI –

RICOPERTO SOL DI STRACCI

CHE SON GELIDI D’INVERNO

E ROVENTI IN PIENA ESTATE.

OGNI TANTO GUARDO IL CIELO

E A MODO MIO PREGO IDDIO

SE OGNI TANTO SI RICORDA

DI GUARDARE VERSO ME

NON PERCHE’ VOGLIO RICCHEZZE

MA IL CALORE DI UN AMICO.

 

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE