UMBERTO ANTONIOLI

Piazza di Ascoli Piceno
Piazza di Ascoli Piceno

UMBERTO ANTONIOLI  ha meritato una MENZIONE D'ONORE al PREMIO DI POESIA DIALETTALE "LA PURTANNARA"  3° EDIZ. 2012 di Porto Recanati con la poesia riportata:

 

 

Int la piaza de bórgh

 

 

Test biênchi e test pledi,

corp geb par la fadiga

e strancalë da e pès d'j ên,

i pe élbar d'uliv piantë

int la piaza de bórgh.

I fa un grên bacajë.

I conta quel che geva su pë,

veci abitudin tramandë

par fe dl’aiér e dè d’incó.

I scor fort cme s’i aves da bravë,

mo guerda e’ ches, u j è un sinsél

cun e vstì dla dmenga,

che sta dest al cuntradiziôn

par fe, cme d’abitudin, e’ mediatór.

Vach da vender ui ni n'è pió,

mo un giodiz pri cuntrast

e met in pés l'unór e la léz,

e acsè u s'ingana la noja

pr’an fe murì e cör.

E’ rimedi l’è meter in pet ai scurs

al dòn, i mutur e la partida de palôn,

e’ têmp, la puletica e la salut.

Tot ste babarë l'è par sminghes

i dulur e j’afan de dè, e acsè

cun i cumpêgn de bórgh us rid

stra i dênt dal sgrazi 'd chieter

par pianzer stra i linzó

al nòster int la longa nòt.

 

 

 

 

 

 

Nella piazza del paese: Teste canute e teste pelate,/ corpi piegati dalla fatica/ sciancati dal peso degli anni,/ Sembrano alberi d’ulivo piantati/ nella piazza del paese./ Fanno un gran parlare./ Raccontano dei loro padri,/ vecchie abitudini tramandate/ per fare del passato il presente./ Parlano forte come se dovessero litigare,/ ma per caso c’è un sensale/ con il vestito della festa/ che sta attento alle contradizioni/ per fare, come d’abitudine, il mediatore./ Vacche da vendere non ce ne sono più, / ma un pacére per le controversie/ mette a posto l’onore e la legge, / e così s’inganna la noia/ per non far morire il cuore. / Il rimedio è parlare / di donne, di moto e della partita di calcio, / del tempo, della politica e della salute. / E tutto questo parlare a vanvera è per dimenticare/ i dolori e gli affanni del giorno, e così/ con i compagni del paese si ride/ a denti stretti delle disgrazie degli altri/ per piangere tra le lenzuola/ delle nostre nella lunga notte.//

 

 

 SEGUE UN'ALTRA POESIA

 

 

     La förza de savór

 

 

 

Ades che t'se turneda

a te pos dì quênt ch'a i ò pianzù:

tent par quênt t' sé bela,

parchè a t'aveva int e cör

ogni dè e ogni nòt la mi burdèla.

Quênd ch'a baséva la tu boca rösa

e carnosa a sintéva e savór

dla zuventó e a ogni bes la carséva

cla voja ch'la n'éra la piligrêna,

mo un desideri grênd e sparvers,

bel e fort cum ch'l'è la pazea.

E tenta la fô la rabia e la pòra

da n'avdét piò quênd it purtè vea,

mo mè a saveva che stra 'd nô

e bên l'éra piò grênd de dulór

e a i ò aspitë, a i ò aspitë tênt

cun i guzlôn a j'oc e un suris

da 'na pert dla boca e la pênza vóta.

Mo ades che t' se aquè int e piat

bela e fumênta an t' pos lasë acsè,

la mi fiorintêna, a t'ò da magnë.

 

 

 

 

 

La forza del sapore -Adesso che sei tornata/ te lo posso dire: ti ho pianto/ tanto per quanto sei bella, / perché ti avevo nel cuore/ ogni giorno e ogni notte la mia bambina./ Quando baciavo la tua bocca rossa/ e carnosa sentivo il sapore/ della gioventù e a ogni bacio cresceva/ quella voglia che non era un fuoco fatuo,/ ma un desiderio grande e spregiudicato,/ bello e forte come la luce della pazzia./ E tanta fu la rabbia e la paura/ di non vederti più quando ti portarono via,/ ma io sapevo che tra di noi/ l'amore era più grande del dolore/ e ho aspettato, ho aspettato tanto/ con le lacrime agli occhi e un sorriso/ da un lato della bocca e la pancia vuota./ Ma adesso che sei qui nel piatto/ bella e fumante non posso lasciarti così/ la mia fiorentina, ti devo mangiare.//

Umberto Antonioli, nato a Bologna, risiedo a Casalfiumanese (Bo).

 

 

 

Ho pubblicato: le raccolte di poesie: Le due verità (1993); Rigagnoli (2002); L’ombra e la luce al confine della vita (2006); Profili di donna in controluce (2006); Poesie in corso (2008); Bisbigli (2010); Cadere da un sogno (2012).

 

Le raccolte in dialetto imolese-romagnolo: Scamoz (2006); Pinsir e sdoz (2007); Guida turistica- gastronomica dell’alta valle del Sillaro (2009); Il solito…Insolito in dialetto bolognese (2008, 2009,2010, 2011, 2012,).

 

Ho inoltre pubblicato, Claudia, una storia di sport imolese (2005) e i racconti della “ Sgnóra Ersiglia” (2010).

 

Poesie e racconti in lingua e in dialetto sono stati pubblicati nelle riviste “ La pié “ e “La ludla” .

Nel 2008, con la poesia La forza de savór , ho vinto il primo premio nel concorso “ Poetar Padano” di Carpi, sez. umoristico-satirica in vernacolo. Ne 2009, con E’ fat, ho vinto il primo premio nel concorso di racconti in dialetto di Santo Stefano di Ravenna, e il secondo premio nel concorso ANPOSDI di Ozieri (NU), nel 2010, con Pr’un amigh, sono stato tra i segnalati del concorso di racconti in dialetto “S. Spada”.

 

Faccio parte dal 2007 dell’associazione nazionale A.N.PO.S.DI.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE