ALFONSINA CAMPISANO CANCEMI ''... OCCHI PROFONDI E MISTERIOSI DELLA LUCE INTERIORE...'' ================

IL NUOVO CAPOLAVORO

L'ultima, commovente pubblicazione della Poetessa ,

avvenuta nel mese di dicembre 2013.

=========================================

 

 

 

 

.

 

Vorrei gettare un fiore

 

 

 

Non posso annullare la notte

 

che mi avvolge come un sudario

 

né spegnere la sete

 

che mi lievita dentro

 

 

 

Profonda s’è fatta la ruga

 

che mi scavava il viso

 

e l’arsura dell’assenza

 

ha spezzato la speranza

 

 

 

Vorrei gettare un fiore

 

al di là della cascata

 

e attendere un’eco

 

che non ci sarà

 

 

 

Vorrei che dal profondo

 

sorgesse vergine un’onda

 

a ricordare il tuo cuore fanciullo

 

e il tuo sorriso, amore

 

 

 

 

 

(dalla silloge poetica “L’assenza” Ed. La palma- Palermo- novembre 2013)

 

 


I versi struggenti dell’ultima silloge poetica

 

di Alfonsina Campisano Cancemi, “L’assenza”

 

Editrice

La  palma - Palermo- novembre 2013

 

di Maria Grazia Fasciana

 

 

 

Leggendo le poesie contenute nella raccolta L’assenza, di Alfonsina Campisano Cancemi, si ha la sensazione di immergersi in paesaggi annebbiati, intrisi di solitudine, desertici, dove appaiono strade sepolte tra le case, silhoutte di pugnali piantati nella terra. Tutto sembra perduto, ma non irrecuperabile perché nei luoghi descritti dalla poetessa di Caltagirone vagano energie che si incarnano negli elementi della natura, conferendo loro vitalità ed emozioni: gli alberi, le foglie, le stelle, la galassia, la luna  e finanche le pietre, divengono elementi che comunicano stati d'animo, sensazioni, avvenimenti: “la luna esplode il suo pianto sul cuore bianco della terra”. Il cielo, “affabulatore inquieto”, “la nube malinconica” la stella “pallida di rimpianti”.
Nella poesia della Campisano si scorge un animo inquieto che anela alla gioia, alla speranza, ma soprattutto a riempire il vuoto dell'anima, attraverso la creatività e la parola, quella parola che si fa poesia, struggente espressione di solitudine, di mestizia di “muto palpitare” di “brivido febbricitante” di sofferenza che tuttavia non diventa mai disperazione, grazie a quell'anelito di speranza che colora i suoi stati d'animo: tra “la matasse degli anni avviluppata nell'ultimo groviglio”, tra le “cose che si sgretolano all'improvviso”, ed “il vento che si schianta sui giorni” appare “la tenera allodola che canta musiche vagabonde” e “il sorriso superstite così non si perde”.
Attraverso la lirica, la Campisano esprime una solitudine lontana dalla selva umana, l'animo della poetessa appare come unica ombra che vaga nell'universo, dove solo gli elementi cosmici sono presenze interagenti che si personificano assumendo la capacità di “agire”.
Di fronte alla solitudine, al vuoto, al nulla che lascia la morte anche le cattiverie umane svaniscono: “Non sento l'eco delle bombe, il sapore del sangue, l'acre tanfo dell'odio. Tutto è silenzio”.
Di fronte alla morte ogni gesto è vano, cosicché “andranno perdute le carezze ed il pianto rivolti a chi col cuore sventrato e gemente andrà su sentieri muschiati”. “Ed è insopportabile il nulla che imperversa in attesa dell'alba”.
Il tempo è elemento ricorrente nella silloge e la concezione che ne scaturisce richiama quella del Foscolo: il tempo, gravido di memorie, che lascia su lidi deserti conchiglie morte, imprime in sè i ricordi, la vita trascorsa, consentendo di riempire il vuoto che la morte lascia. L'uomo, essere mortale e perituro è capace di fissare il tempo che scorre impietoso, immortalando il suo movimento e l'emozione che esso trascina.
Attraverso il ricordo, nei vaporosi labirinti della memoria, ogni emozione diventa immortale. Grazie al tempo vivo è ancora il ricordo che vede la poetessa in compagnia della persona amata, mentre si tuffa in spiragli di sogni, inariditi poi dal mondo che insegue ordinarie storie e che rende alla fine gli uomini orfani di illusioni.
Altro elemento protagonista delle poesie è la luna. La casta luna vaga tra città sempre deserte, tra case e grattacieli impigliati in un groviglio di serpi inesorabili. La luna è il destino che ora è crudele, ora bacia le foglie che sorridono al suo bacio.
La poesia di Alfonsina non trascura il riferimento ai mali che affliggono l'attuale società: “E vende Giuda per trenta denari le tredicenni dipinte. “Cadono i bimbi, petali poco vissuti”, mentre “l'illusa giovinezza si gioca al videogame l'ultima speranza”.
“Sugli aghi di silenzio che pungono l'animo le parole riempiono il vuoto dell'animo.” La poesia della Campisano è un elogio alle parole: “Segmenti di parole giungono da orizzonti lontani ed un piccolo fiore di zagara appare tra i veli”.
Grazie alle parole, alla poesia – dice la Campisano – “Io vivo. La goccia ha penetrato il mare, l'anima ha gridato il suo dolore ed io vivo”.
 
Lo stile utilizzato dalla poetessa è quello figurativo, le poesie sembrano graffiti in cui le parole disegnano immagini capaci di personificare la natura e di raffigurare emozioni, tutte le emozioni.
Si pensi a come è espresso il dolore: “L'anima devastata dal vento secco d'autunno”. “Fontane zampillanti senza luce nè oro”. Tuttavia basta poco perché il dolore trovi la capacità di affievolirsi: “Talora penso di migrare verso l'ultimo approdo, ma la vista di una goccia sola grida Allelujah!”.

 

 

 

 

 

 

 

 La Poetessa ALFONSINA CAMPISANO CANCEMI,

HA

ONORATO L'ASSOCIAZIONE, PARTECIPANDO AI

BANDI DI CONCORSO DOVE SI E' SEMPRE PIAZZATA

 NELLE PRIME POSTAZIONI.

3° CLASSIFICATA A PREMIO ''SEMPRE CARO ''2013

Poesia '' DONNA'' 3° CLASSIFICATA

Donna

Ti hanno fatta a pezzi

gettata fra i rifiuti

rinchiusa nei lager

 

Ti hanno spenta nei sorrisi

esplosa con le bombe

svenduta nei postriboli

 

Ti hanno bruciata nei sogni

sbattuta nelle celle

uccisa nei figli

Ma tu respiri ancora

donna

fragile e viva

ostinata e splendente

 

Nell’apparente tua levità

nascondi una forza titanica

nel chiaro volto delle nuvole

disegni angeli e diademi

nella sacralità del focolare

sei tu sacerdotessa e amore

 

Te ne stai sospesa

sopra incolmabili abissi

macinando silenzi

sussulti ai trasalimenti

affronti le tempeste

e anche quando il respiro già lieve

smemora fantasmi di echi lontani

il tuo cuore continua a pulsare

ancora e ancora

perché prosegua la storia infinita

e il brivido non muoia in gola

prima di essere nulla

nel bruciante sentiero

Persino nei vicoli oscuri

dove serpi spacciano morte

tu riderai danzando

donna

perché nel tuo seno

dalla notte dei tempi

è germogliato l’Amore.

 

No, non datemi pietà!

Mi hanno piagato l’anima

spento la voce in un singhiozzo

bruciato i sorrisi

Inchiodata alla mia croce

non ho conosciuto

l’attesa febbrile di un bacio

l’ammaliante profumo di chi si dona

il dolce languore dell’amante sfinita

Scivolano

amorfi e nudi i miei giorni

Ma smettetela

di gettarmi miserabili avanzi di pietà!

Mi trafigge l’occhio curioso

fuggevole si posa sul mio dolore

poi…se ne vola via rondone in cerca di sole…

Smettetela, vi dico!

Misero arbusto deforme solitario nel deserto

posso ancora sognare fiumane di parole

ceste ricolme d’uva

chitarre andaluse giardini incantati

in cui danzano voluttuose Oreadi

e satiri giovinetti

 

No, non datemi pietà come pece nera!

Il sole ogni mattina si leva anche per me

per me s’aprono anemoni e rose

e nenie piumate d’azzurro

mi sussurrano gli angeli…

 

No, non datemi pietà

voi che siete sani

e vi azzannate come cani

sotto un vestito perbene!

 

 

   CONCORSO DI POESIA DIALETTALE DI PORTO RECANATI

"LA PURTANNARA"  2011- 4° CLASSIFICATA

 

Silenziu affatturatu

 

 Strascinati di la china

si nni jeru li filara di sonna

‘ntrizzati d’azzolu.

Si firmàu lu munnu

comu si ‘na mavara

l’avissi addurmisciutu pi sempri.

A luttu si vistìu la luna

e puru lu ventu

s’ammucciàu stanotte

‘nta ‘na sciacca di muru

comu si s’avissi scantatu.

 

C’è sangu ‘nta li strati

‘nfernu ‘nta li cori

unni si, Signuri?

 

Ah! Stu silenziu ranni

cchiù niuru di lu carbuni

ca la vecchia purtava

nta ddi tempi luntani…

 

E li foggi

nun s’annacanu cchiù

ristaru ddà

mpicati ‘ntra li rami

comu morti.

Accussì mi sentu…

fogghia

ca nun sapi cchiù trimari

vava di ventu

ca si scurdàu di ciusciari

ciatu di luna

can nun po’ spuntari…

cu tutta la me vita

ca bruciava ‘ntra li vini

firmata pi sempri

nta sta notti di silenziu affatturatu

cchiù scurusa di la morti.

 

 

 

 

Chiantu

 

 

 

Mamma mammuzza mia

vogghiu durmiri

a lu travagghiu nun ci vogghiu jiri

 

Ciatu ciatuzzu

mi li duni 'nta lu cori

si lu pani ti putissi accattari

supra li ciuri ti facissi durmìri

To patri 'ngalera scunta li so peni

e nuautri nun avemu chi manciari

 

Mamma mammuzza mia

fammi durmìri

a lu travagghiu nun mi ci mannari

li caruseddi nichi comu a mia

jocanu filici 'ntra la via

 

Dormi ciatuzzu

dormi picciriddu

lu travagghiu pi oggi po' aspittari

e iu lu sacciu chiddu ch'haju a fari...

 

Dormi figghiuzzu

dormi passareddu

ma quannu tu si granni pi favuri

a la to matri nun la cunnannari

 

Lu tirrimotu

 

E viulentu chiummàu lu tirrimotu

supra lu paisi addurmisciutu

spaccannu li casi e li cori

Scasàru li cristiani ‘nsalanuti

tinennisi stritti li carusi

jittannu vuci pi li strati strati

Ballavano li machini scantati

parevano giganti li palazzi

mbriachi senza vrazza – sbinturati! –

 

Na pupidda mali arridduciuta   

circava la patruna picciridda

e ‘ncanuzzu cu la jamma rutta

jeva chiancennu la so cumpagnedda

Intra ‘na cresia un crucifisseddu

cascatu malamenti di l’artaru

jittava sangu di lu so custatu

 

Li porti sbarracati di li casi

parevanu vucchi sganguliati

senza mancu la forza di ciatari

Di una d’iddi ammenzu a ddu turmentu

niscìu fora bistimmiannu lu Signuri

un malacarni latru tradituri

cu li sacchetti chini di tisori…

 

Malirittu cu pigghia giuvamentu

nta lu sdilliniu di lu mumentu!

 

 

 

CURRICULUM BIO-BIBLIOGRAFICO

ALFONSINA CAMPISANO CANCEMI

Via Madonna della Via, 119

95041 CALTAGIRONE (CT)

Tel. (0933) 21501 / 55210 / cell. 360921828

e-mail: alfonsinacampisano@virgilio.it

 

 

Nativa di Catania, a tre anni si trasferisce a Caltagirone, dove insegna Lingua e Letteratura Italiana e Latina nei Licei, svolgendo con grande passione la sua professione e divenendo,come operatrice culturale, punto di riferimento per molti giovani, cui si dedica nel tempo libero.

Certa della funzione catartica e formatrice del teatro per lo sviluppo socio-culturale dei giovani, cerca di impegnarli in attività teatrali, utilizzando testi classici e di sua creazione e coinvolgendo non solo gli alunni del suo Liceo, ma anche quelli di altre scuole cittadine.

Collateralmente alla produzione poetica, cura altri aspetti della cultura contemporanea: presenta nuovi autori, tiene, anche in Germania, conferenze su varie tematiche culturali o di attualità, incontra studenti sia come autrice che come relatrice.

Collabora a diverse riviste letterarie.

Scrive testi per musica contemporanea, lavorando in particolare con il M. Sabino Napolitano, il cui “Canto della notte”, su versi della Campisano, è stato eseguito anche all’estero da grandi formazioni orchestrali.

Ha vinto oltre 200 premi letterari

 

 

Sue Pubblicazioni:

Conchiglie di vento (poesie in lingua) – Tringale Editore- Catania 1986

Rapsodia di una stella(narrativa e teatro per la scuola media) Ed. Greco- CT –1986

Supra la rina l’acqua va e veni (poesie dialettali) – Tringale Editore – Catania 1989

Zefiro (frammenti lirici) – Ed. I

LA

PALMA _ Palermo 1995

Finu a l’urtimu ciatu (poesie dialettali, tradotte in italiano e tedesco)

Ed. ILA PALMA – Palermo 1998

Trasparenze (prose liriche) – Ed. ILA PALMA – Palermo -2001

La splendida attesa – Pegaso Editore – Caltagirone -2005

Schegge e diademi – Pegaso Editore Caltagirone - 2009

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE