ELZIDE GIOVAGNETTI

POESIA  E'  VITA
POESIA E' VITA

LA MIA POESIA E' :
l'anima dell'autore posta sui fogli bianchi,
carta che si anima di teneri momenti di gioia,
di passione,di amore e disperato dolore,
carta che si colora di tutto ciò che è fermo
e che per magia prende vita,
è l'anima che si nutre della grandezza della natura
che dona all'autore la percezione dell'emozione.

E SCRIVERE E' :
desiderio di comunicare e trasmettere emozioni,
liberare il pensiero per alleggerire la mente,
curare il dolore dell'anima che fa star male anche il corpo,
acutizzare i sensi per non perdere le bellezze della vita.

SCRIVERE per me è VITA !



TERRA

Un immenso spazio
dove il mio corpo si perde
ed i pensieri si rincorrono.
Ombre di alberi maestosi
e grida di fanciulli
e odori forti
che stordiscono i sensi
e colori :
rosso,giallo,arancio e turchese.
E l'amore puro che non chiede,
che aspetta,
che silenzioso vaga
sulla terra di nessuno.

Sono nata a Corridonia 01/06/1960
e vivo a Colbuccaro con i miei due figli.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

NEL GRIGIO

Quando si copre il sole
e il grigio entra nella pelle
e cammini
per non sentire freddo,
per non restare nella via,
il pensiero va nella terra
dove il sole accarezza,
le onde fanno leggero il corpo
e le ali del gabbiano
fanno sognare di volare.
Quando la pioggia
poi bagna il corpo
e sei stanco di fuggire
la lasci cadere.

 

COME ROSA ROSSA...

Sei regina,
rosa tra i fiori,
petali rosso velluto
ti vestono
e affogano i miei sensi.
Sei fata,
turchina nei sogni,
bacchetta magica
che ruba nero
al mondo mio.
Sei lago,
specchio per i miei occhi,
acqua dolce,
spazio dove ti posso trovare.
Colomba in volo,
che al nido sempre torna.
Sei spiaggia dorata,
ove metto il corpo mio,
fermo lì a riposare.
Sei mare
cielo
e stella
e luna piena
che riflette sul mare.
Sei nel cuore
e nell ' anima...
Regina, rosa rossa,
tra fiori infiniti :
la Regina!

 

NEL SILENZIO

 

Nel mio silenzio
odo il pianto,
scorrono nella mente
immagini
colorate di dolore
e lacrime nascoste
mi bagnano l'anima
che era fuori
nel mondo ad asciugare.

 

DONNA

E' solitaria,
povera d'amore,
fredda nella mente
che non chiede
e stanca nel corpo
che vaga assente.
E' ombra
che si spegne
quando il sole alto
brucia la pelle
e goccia
che al cielo ritorna,
fiaba raccontata
e dimenticata,
traccia sulla sabbia
dal mare rubata.
Onda impetuosa
che sulla terra
poi ritorna.

 

LA TUA FAME

Continuano
i tuoi occhi
neri come ebano
a fissarmi.
Seduto
sulla terra infeconda
mostri il ventre
che malato
esce dal corpo.
Allunghi la mano
vecchia di pelle
e implori perdono
se tua è la colpa
ed io continuo
a guardare.
Io che non ho
la tua fame
ora piango,
piego la testa
e sogno di volare.
Giungo fianco a te,
ti metto sulle ali
e ti porto via...
via con me
dove c'è pane
per te
e per me.

NON SENTO

Non sento,
non si lacera la carne,
non piangono gli occhi,
il respiro è fermo
ed il cuore smette di far rumore.
Non sento,
solo il pensiero corre veloce
e le immagini che si intrecciano
come vortice mi fanno cadere.
Non sento,
poi lontano il vento chiama
ed io inizio a respirare.
Sibilo che si fonde col mio lamento,
straziante suono che fa sorde le orecchie
e non tace e mi porta al mare
dov'è seduto sulla sabbia
fermo il pescatore.
Dove un tempo remoto ho camminato
sulle onde vicina a te che ho perso,
e potevo sentire il tepore della tua mano
che con una carezza mi toccava il cuore.
Dove i miei passi erano al fianco tuo
e i fanciulli al mattino giocavano
sulle nostre tracce lasciate sulla sabbia.
Ora che cammino sola fino al molo,
si perdono le orme a fianco dello scoglio
accarezzato dall'onda e...
non sento...





TI LASCIO ANDARE

Ora s'infrangono
onde spumose
colorate di luna
di bianco
e parlano
al cuor mio stanco.
Forte il vento
mi copre il viso
di fragili capelli
e tu girato di spalle
allontani il corpo
ed io ancor piango.
Uno a uno vanno
i passi tuoi pesanti...
rumore sul cemento
che mi ferisce
l'orecchio.
Sposto il corpo,
smetto di ascoltare
e torna lo sguardo
al mio mare...
Solo ti lascio andare
e dalle onde
mi faccio cullare.

APRI GLI OCCHI

Uomo sciogli la benda
e guarda il lago
che muore,
il fiume
che avvelena il mare,
i pesci
che soffrono a respirare.
Guarda l'erba
che non ha colore,
la vegetazione
che lenta muore,
gli uccelli migratori
che hanno smesso di tornare.
Sciogli la benda
che devi vedere.
Ricorda che fanciullo
riempivi d'acqua le mani
al fiume per bere
e la nonna sui sassi
metteva candido bucato
e d'arrosto di pesce
l'aria si profumava
Guarda
e ferma la distruzione...
...se potesse anche tuo figlio
bere al fiume
e le farfalle
potessero danzare
tra orchidee e gigli selvatici
e uccelli intonare un coro
su rami di querce secolari
e se un martin pescatore
sulla riva potesse saltellare
e l'airone, lavate le ali,
volare...
se...

L'OPERA PRIMA DI ELZIDE
L'OPERA PRIMA DI ELZIDE
COMMENTO del professore Gianfrancesco Berchiesi di Petriolo sul libro “ A ME “


ELZIDE GIOVAGNETTI silloge
“A ME “
Collana “Solaris”
Edizioni Montag


“ A volte respiro piano
per non far rumore
e resto ferma mentre
fuori qualcuno muore”
( da LA GIOSTRA GIRA)
E' in questi versi la chiave di lettura dell'opera poetica di Elzide Giovagnetti. Infatti le sue composizioni raccontano i sussurri della sua anima,che Lei ascolta in raccoglimento e nel più profondo silenzio. Ed è in questi sussurri che troviamo la cromaticità pastello dei suoi sentimenti,fatti di gioia e di perdita,di attesa e di disperazione. Potrebbe essere il vivere di ognuno di noi, di cui però a noi sfuggono a volte i particolari delicati che il vivere frenetico di oggi cancella i nostri sensi. Ma Elzide si ascolta quando tutto intorno tace, perchè il vivere le ha dato tante sensazioni,l'ha messa in contatto con la gioia e con il dolore, con l'attesa e con la perdita,ma tutto ciò per divenire sentimento ha bisogno della meditazione,fase in cui solo la parte più nobile e vera delle sensazioni rimane e viene quindi espressa. Quando Lei comunica i suoi sentimenti,questi sono in genere raccolti in pochi versi significativi, come in FIORE dove l'iniziare con la congiunzione ci fa capire che nella sua mente c'è stato un lavorio lungo. L' E iniziale è un vero colpo d'ala che ci lega a quel lavorio di cui non possiamo conoscere che la conclusione: un delicato invito ad amare.
Così in LE TUE ALI oppure in SENTIMENTO troviamo un sogno d'amore, amore tenero, che rifugge dalla luce bruciante del sole, più adatto ai notturni di luna piena fra le stelle cadenti.
Il suo sentire, nobilitato nella fase di meditazione, va oltre il tempo, rivive in questa dimensione intima dove anima e mente si coniugano e generano composizioni dal linguaggio non solo poetico,ma anche musicale. Infatti un altro pregio di queste liriche è la musicalità, a prescindere dal messaggio poetico. In questo contesto di così suggestiva armonia, emerge un alto senso di penetrazione logica dei pilastri del vivere:
il TEMPO, cioè quello interiore, che fluisce in maniera diversa dal tempo fisico. Può fermarsi, può frammentarsi in pezzi, che l'anima ruba,
la COMUNICAZIONE, che dovrebbe legare gli esseri, ma che a volte divide( PAROLE, SCENDE LA SERA ),
gli ARCHETIPI, con cui si esprime Elzide ( gabbiani,aquila, farfalla...) arricchiscono la poesia di elementi pittorici, e nel contempo simbolici,
lo SPAZIO, dove la fisicità si perde,
la MORTE, dove la fine cede il passo alla LUCE, al pianto della natura che con la rugiada del mattino partecipa al dolore,
l' AMORE, che pervade il vivere umano, in Elzide ha vagamente tono accesi perchè il suo modo di amare, sia i figli, sia l'uomo, ha una compostezza che lascia intravedere con garbo il fuoco della passione, che sa attendere e che ricorda.




Alberto Cola (editore Edizioni Montag) scrive:
“...ora in quanto direttore editoriale le scrivo privatamente perchè la sua silloge mi ha colpito in maniera particolare sia per l'approccio al verso che evidenzia sempre uno studio non usuale e classico; sia per la deriva tematica che (all'apparenza) trasforma il tutto in un caos dal quale lei impone una fuga incerta. Lascia il lettore preda di un'intima ricerca interiore e sembra lei voglia donare a lui il suo stesso stato d'animo. Del resto, per citarla: “Donati ogni giorno il tuo sorriso”, e non posso che essere d'accordo con lei. Apre squarci emotivi, cara Elzide, quel che in sostanza , secondo me, deve fare la poesia. Ritengo sia una silloge meritevole di pubblicazione....”



CURRICULUM
Sono nata a Corridonia 01/06/1960
Ho conseguito il diploma di Perito Tecnico Commerciale nell'anno 79/80 a Macerata.
Mi sono dedicata alla famiglia già dal 1981
Ho sempre scritto nel tempo libero e nel 2009 ho partecipato per la prima volta ad un premio con una silloge di poesie. Sono arrivata finalista al premio SOLARIS Edizioni Montag che mi hanno pubblicata a marzo nel 2010 con il libro “ A ME ”. Un mio racconto intitolato “DOLORE NEL CASSETTO” è stato selezionato come uno dei migliori racconti per la collana Anthology ed inserito nel libro “I SENTIERI DEL CUORE” uscito a giugno 2010 Edizioni Montag. Sono in attesa di altri risultati per concorsi. Ho partecipato anche al Poetry Slam a Porto Recanati a luglio 2010 e mi sono aggiudicata il primo posto per la giuria popolare.
 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE