DANIELA GREGORINI

UN FIUME DI POESIA........

PREMIO ''Sempre Caro' nella Giornata Mondiale della Poesia - Recanati 23 marzo 2013

Cliccare foto piccole per ingrandire...

 

Foto 1: aula magna del comune di recanati. gruppo di poeti.

FOTO 2 :DANIELA GRAGORINI premiata dalla

          Prof. NORMA STRAMUCCI, membro di giuria.

Foto 3 : da sx :con il prof. PIERUBALDO BARTOLUCCI,DELLA GIURIA,NOVELLA TORREGIANI E ONORINA LORENZETTI; ALLE SPALLE, IL PROF. FEDELE RAGUSO. 

foto 4:bellissimo primo piano di Daniela Gregorini che declama la sua bellissima poesia ''DIMMI, O GINESTRA'' :

                               

 Dimmi, o ginestra 

E ti ritrovo, ormai raggiunta

in questa scarpata arsa ancora

a ridar novella stagione tua

alla mia, a rifiorir di giallo,

o ginestra.

E narrami, savio frutice, come

agli uomini riveli l’erma crosta

lacerata e scagliosa, dove piede

mortale calpesta questi rintocchi

d’ore e di luce.

E lungi dall’ingannevole vero,

verso la veritiera ingannevolezza

l’uomo invitasti lieve a pensare

in quest’aspra e maestosa

Terra.

Fiore superbo e agro in sul deserto,

dalla serpe e dal coniglio carezzata,

tutt’oggi non dissimuli illusioni di fallaci

verità, a ricercar ciò che ragione

schiude.

E pur, in questo autunno,

nostra matura stirpe a confondersi

continua sulla verace sorte,

‘ché desìo di libertà ha abbandonato,

folle.

E del tuo probo, diletto vate, dimmi,

odorosa ginestra, qual mendico del vero

che erra peregrinando il mondo e d’eterno

ancor tinge i tuoi petali, dimmi di lui e del suo

lucido pensiero.

E quando bocca e guardo e mani

inesorabilmente periranno

i miei pensieri affaticati e affranti

più su del discosto cielo forse anch’essi

saliranno.

 

*******************************************************

 

 

 

 

 

                         

Concorso dialettale ''LA PURTANNARA'' 2012

PORTO RECANATI

 

 

1° CLASSIFICATA

 

 

 

DANIELA GREGORINI                      

                                    

 PER LA POESIA

 

:T’ARVEDRO’

 

Arvedrò le màn furmìg

mòv ‘l tlàr d’lègn

sa la smània ligéra

dla vecchia gioventù.

Arvedrò i cuscìn d’ pénn

rimpìti d’istàt, ciòcc d’lana

ingavinàti ‘ntél crìn

ch’odòrn d’sol e d’ terra,

a cùscia matarazz ch’ sann anicò

sa i ag e le paròl e le comàr…

arvedrò la front tua molla d’sudor

sotta ‘l capéll, rama d’pàia

per arparàt la faccia c’vìla

d’ombra e invecchiàt.

Arvedrò ‘l vocià tua

‘ntl’aria di càmp

d’ frutt d’amor tirati su,

dalla terra arnàti,

compagnàti sa le stagion

e sa te, ch’sì d’lora.

Arvedrò la zappa che d’ sfog

libbr e pìnn alzava zupp ‘ntel témp,

pasción ch’enn’è bastàta

alla contentezza del cantà tua d’donna

avezza alla vita d’ squizzi

squillant, d’ forza nostràna,

che n’n credéva ma la mort falsa e trista.

T’arvedrò, mamma,

‘ntla vita ch’arvolévi tu.

 

 

Traduzione: Ti rivedrò//Rivedrò mani formiche -muovere il telaio di legno-col fremito leggero-della vecchia gioventù .-Rivedrò cuscini di piume-riempiti d’estate, fiocchi di lana-impigliati nel crine-odorosi di sole e di terra,-cucire materassi sapienti-con aghi e parole e comari...- Rivedrò il tuo capo sudato- sotto il cappello, fronde di paglia- tesa a velarti il viso chiaro- d’ombra e invecchiarti .- Rivedrò- il tuo vociare- nell’aria dei campi. di frutti d’amore coltivati,- dalla terra risuscitati,- legati alle stagioni- e a te, che sei di loro.- Rivedrò la zappa che di sfogo- libero e pieno alzava zolle nel tempo,- passione che non è bastata alla letizia del tuo canto di donna- incline alla vita di guizzi- squillanti, d’energia verace, incredula, alla mendace morte.- Ti rivedrò, mamma,- nella vita che volevi.

 

DANIELA GREGORINI                  

 

 

GIVN A TIIRA’ LA TRATTA

 

Giva giù d’ bonora, babo, a tirà la tratta

che la matina ‘nn sèra manca fatta.

Giva aiutà mai Mandulìn,

amic sua da quand ern fiulìn.

Ce giva prima d’ cmincià a fatigà

più pel gust che per guadagnà.

Ce giva d’istat, quand’era bonazza

 

   e faceva spiagùra ‘l mar

 

   ch’niva com ‘na piazza.

E c’artornava anca d’sera calca volta,

quand a stolzà, s’ vdévn, le lanciàr,

e erne malì tutti alla svelta

sal passa parola…altr ch’ celulàr!

Ce givn quei d’mezz’età, i più giovnott

e anca i omn chi più vecchiott.

Partiva susuràt babo, com un ragg’ matt,

arniva a casa tutt arfatt!

Faceva colazion sa do cappl e do canèi

aperti sulla stufa césa,

ch’i pareva fussr com dei trofèi

d’chisà quala vincent imprésa!

Pu la rena e la pégvla s’ sfregava dai calcagn

e d’ prèscia se lavava drenta ‘l bagn

‘ché puzzava d’sudòr e de màr,

e via… giva a fatigà sa la lambretta,

operài… sal cor da pescatór de tratta!

Io, fiòla, sta contentezza sua ‘nn capiva

e de non saélla m’ c’arabìva,

qund ‘na sera, prima d’gì a lètt

babo m’ dic’, sempr in dialètt:

- Tu, dmatìna vieni sa me!

E colmò, donca, ho capìt tutti i perché

de chel fuggia giù ‘l mar com ‘na tresca

e tra ‘l lùm e ‘l scùr sin arrivati tla rena fresca

do’ spegneva la batàna pina d’ret,

un nonn del mar, sa le calz lasch e sfnìt,

tirat su fin oltra i ginocchi

ch’i scuprìvn l’ gamb fìn com le nocchi

cott dal sol e dal sal

fidàt d’ sapienza ch’è quella che vàl!

Vogava lènt

tla barca d’legn bianca e celest.

Cminciava a calà giù l’rét pianin,

sa l’ sbraciat grand, com l’ pàl d’un mulìn

sa na mossa lènta

com l’ contadìn ch’smenta

e quand, picqla picqla, era distànt,

tl’acqua alta tutta arlucènt,

vicin al sol ch’cresceva,

cla barculìna s’arbiràva,

fin ché ‘na curva en aveva s-gnàt,

com calchidùn, prima d’lù, i aveva insegnàt,

tel pél d’l’acqua liscia com ‘na tavla

com n’ specchi tl’armàri dla cambra.

Pu la batana tla botta del mar arniva

e ‘n compàgn a ‘iùta curiva

per portalla tra la rena, al sciùcc,

e colmò la tratta cminciàva sa n’aucc:

un dietra a claltr, se mettevn tutti a post,

e tiravn sa tutt l’ forz

‘ché più s’facéva fatiga

più vléva di’ ch’la rét era carga.

E pian pianin arniva fora

la paga più bella per chi lavora:

la ret sbuganata sa le grancell, le algh atacat

inscén ai pesc’ d’ogni sorta

che se sbattevn ingavinàt

… busban, bobb, mindl, sùr, agusèi,

ragn, baldigàr, sardòn, bianchèi...

E colmò, donca, ho capìt tutti i perché…

i perché d’ cla contentezza

ch’adè, ormài, più enn c’è:

l’acqua del màr s’è fatta roncia

‘ché a tiralla tropp la corda se stronga.

Ma vo’ c’armànne i ricòrd

tnà vecchia cartulìna,

ma me ‘n cavalucc’ secc, drnta nà scatulìna

ch’ogni tant per chi fiòi m’ métt a tirà fòra

per arcóntài dla tratta la bella fòla.

 

 

Traduzione:

Andavano a tirar la tratta (sciabica)

Andava giù di buon ora babbo a tirar la tratta/quando la mattina non si era nemmeno fatta./Andava ad aiutare Mandolìni (soprannome di un pescatore), amico suo

 

da quando eran bambini. Andava giù prima di iniziare a lavorare/ più per il gusto che per guadagnare/ andava d’estate, quand’era bonaccia,/ edera calmo, il mare/ che veniva come una piazza./ E ci tornava anche i sera, qualche volta,/ quando a guizzare, vedevan, le lanciare,ed eran lì tutti alla svelta/ col passaparola… altro che cellulare!/ Ci andavano quelli di mezz’età, i più giovanotti/ e anche gli uomini più vecchiotti./ Partiva concitato babbo, come un raggio matto,/ tornava a casa tutto contento!/ Faceva colazione con due vongole e due cannelli/ aperti sulla stufa come fossero trofei/ di chissà quale vincente impresa!/ Poi la rena e la pegola strofinava dai talloni/ e di fretta di lavava dentro il bagno/ perché puzzava di sudore e di mare, /e via…andava a lavorare con la lambretta,/ operaio…col cuore da pescatore di tratta!/ io, bambina, questa contentezza non capivo/ e di non saperla mi ci arrabbiavo/ quando una sera, prima d’andare a lett/ babbo mi dice, sempre in dialetto:/ -Tu, domattina, vieni con me!/ E così, dunque, ho capito tutti i perché/ di quel fuggire giù al mare come una tresca/ dove spingeva la barca piena di reti/ un “nonnone” del mare, con i calzoni larghi e sfiniti/tirate su fino alle ginocchia/ che scoprivano le gambe fine cme le nocchie/ cotte dal sole e dal sale/ fidate di sapienza, che è ciò che vale!/ Vogava lento, nella barca di legno bianca e celeste/ Iniziava a calre giù la rete, pian pianino/ con sbracciate grandi, come pale di un mulino/ con una mossa lenta, come un cntadino che semina/ e a quando, piccola piccola, era lontana,/ nell’acqua alta tutta lucente,/ vicino al sole che cresceva,/ quella barchetta virava,/finché una curva non aveva segnato, come qualcuno, prima di lui, gli aveva insegnato/ sul pelo dell’acqua liscia come una tavola/ cme uno speccho dell’armadio della camera./ Poi la batana sulla battigia tornava/ e un compagno suo ad aiutarlo correva/ per portarla all’asciutto/ e così la tratta iniziava con un urlo. Uno dietr all’altro si mettavano tutti a posto/ e cominciavano a tirare con tutte le forze/ perché più si faticava e più voleva dire che la rete ara carica/E pian pianino venva fuori/ la ricompensa più bella per chi lavora:/ busbane, bobbi, mindole, suri, aguglie, /ragni, cafali, acciughe, alici bianche, … / E così, dunque, ho capito tuttii perché…/ i perché di quella contentezza che ora, ormai, più nn c’è: l’acqua del mare s’è fatta avara, /‘ché a tirarla troppo la corda si stronca./ A voi rimangono i ricordi di una vecchia cartolina/ a me un cavalluccio chiuso in una scatolina/ che ogni tanto per i miei bambini ritiro fuori/ per raccontar loro della tratta la bella fola

 

 

 
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
 
ALTRE POESIE -
 
 
Madonna dlé gròtt
Drénta sta chiesulina so boccata, ma qua giù,
per veda ma Te che da trecènt’ann e più
stai machì, piattata, in ti sti mùr intìchi
d’ tùf, d’ stori, d’ devozión intrìsi,
... a sta a sentì ma ogni anma inginochiàta,
tél silènzi, fiòl d’ sta campagna arnàta ,
pina d’ vita d’ aprìl che sta per gì via:
A ringraziàt, cé so nùta, per ste fiulìn mia,
una dlé tant ròb bèll ch’ m’hai argalàt,
che ogg’ ha arcòlt, tra l’ fràtt
allégr com lù, la prima papòla ,
róscia com ‘l sang, com ‘l fòc, com l’amór,
e l’ha portàt ma Te, inscén a ‘na rama d’ lillà
del colór dla mantlìna tua, le fòi
com un còr vérd d’ speranza.
So nùta anca a chiéd,
a pregà sa le màn giónt sporc d’ réna, e a chiéd.
Ma quanta génta stai a sentì, Madunìna dle Grott,
quanta sarà cursa da Te a fròtt:
dònn bisòc e donn ch’ gìvn all’ font,
frat, omn disperàt, contadìn e brigànt,
e Tu machì, piccola piccola, fatta d’ cocc’,
la vèsta bianca, el Fiòl Tua sui bracc’….
Stai zitta, stai a sentì, senza di’ gnènt…
M’ domànd si me farài l’ grazzi ch’ t’ho chièst
per cl’anma ch’ ‘nn lascia gì d’ tribolà, enn c’è vèrs…
Mo Tu enn me rispondi…
Stèn un cuncìn sotta l’ombra del silènzi Tua
Tra l’odór d’ sti fiùrtìn lilla drénta ‘l vàs,
l’odór d’ sti mùr intichi, a seda ‘nté bancàt giacc’.
Ho imparàt da Te che chi pòc discùrr,
e d’ ròbb bèll né fa na mucchia, de più ha valór
d’ chi cm’ me, cùrr dé drìa ma tant paròl.
-Daniela Gregorini-
ALLA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA-RECANATI. 21 MARZO 2012
ALLA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA-RECANATI. 21 MARZO 2012
A DX DANIELA GREGORINI , 4° classificata al Premio"LA PURTANNARA",
A DX DANIELA GREGORINI , 4° classificata al Premio"LA PURTANNARA",

CURRICULUM

GREGORINI DANIELA - Vive a Ponte Sasso di Fano in provincia di Pesaro Urbino. Insegna nella Scuola Primaria "A.Marcucci Fantini" di Marotta di Fano.

Ama dipingere e scrivere poesie in lingua italiana e in dialetto, racconti e fiabe. Ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie intitolata "Non farlo piangere, il mare" a luglio 2012.

Dal 2010 partecipa ai Concorsi Letterari conseguendo vari riconoscimenti e pubblicazioni in Antologie. I più bei Premi del 2012:

-1^ classificata al Premio " sezione poesia, 2^ classificata sezione narrativa al Premio "Agorà"- Appignano (MC);

- 3^ al Premio Nazionale di poesia "Poetare è d'amore" Rivo di Puglia   - 3^ al Concorso Internazionale di poesia "Città di Vignola";   - 2^ al Premio Nazionale di poesia "Gens Vibia" Marsciano (PG;     - 3^ al premio Naz.Avis sezione narrativa Capannoli (PI);     - 1^ al Concorso "Poesia senza confine" sezione poesia dialettale, Agugliano (MC);

- 1^ al Premio Nazionale di poesia dialettale "La Purtannara" Porto Recanati (MC);     - 2^ nella provincia di PU al Premio "Varano" (AN) sezione poesia;   - 1^ al Concorso "Poeta del lago" Club Unesco Tolentino (MC);     - 2^ al Premio "L. Introini" Gallarate (MI);       - 3^ al Concorso Internazionale "Città di Porto Recanati" (MC);         - 3^ al Concorso Internazionale 2^ al Premio "Guerino Cittadino" "CS);

- 1^ al Concorso Internazionale "Città di Ancona" sezione poesia dialettale.

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE