ANDREA PANZINI EMERSBERGER

                        Poeta Vernacolare Anconitano 

1° premio assoluto di poesia vernacolare

1° PREMIO ASSOLUTO POESIA DIALETTALE MARCHIGIANA NELL'AMBITO DEL CONCORSO "POESIA SENZA CONFINE" 2013 UNITAMENTE AD UNA SEGNALAZIONE DELLA GIURIA PRESIEDUTA DAL POETA ALESSANDRO SERI 

 

 

Tùti ‘sti vèrzzi spàsi

 

Tùti ‘sti vèrzzi spàsi

Sbrombula dai silènzzi

De colchi ciòti ràsi

Su l’antimàme...e pènzzi

 

 

A la tàula del màre

P’r’ indo’ che sbàlzza avànti

Ste sassàte...pò’ smàre

Che tàca al fondu i cànti.

 

 

 

Tutti questi versi sparsi

 

Tutti questi versi sparsi / brontolano dai silenzi /

Di stesi sassi levigati / sulle risacche...e pensi /

Alla tavola del mare / su cui rimbalzano avanti /

Queste sassate...........poi come uncini /

che àncorano sul fondale i canti. /

 

 

 

 

 

e ‘ste ginèstre esplose

 

e ‘ste ginèstre esplose

spàse su l’esistènzza

è l’essènzza de còse

che sofia cùme lènzza

 

bìgna ‘dèssu buetà’

i’ ‘stu garbì’ de bàsgi

i’ ‘ste ricérche ràre

de ‘n nascundì’ ‘ntra i màgi

 

 

e queste ginestre esplose

 

e queste ginestre esplose / sparse sull’esistenza /

sono l’essenza di cose / che soffiano come aliti di vento /

bisogna adesso poetare / in questo libeccio di baci /

in queste ricerche rare / di un rifugio fra le finestre /

 

 

E' 'na scélta d'amore

 

 

 

E' 'na scélta d'amore

buetà' i' 'sti verzzéti.

O l'argià' drént' al còre

o pe' sèmpre puréti.

 

 

E' una scelta d'amore

 

E' una scelta d'amore / poetare in questi versetti. /

O la ricchezza nel cuore / o per sempre poveretti. /

 

 

ntel sublìme

 

batàna sgavinàta

da gomene da ghìe

na svèntula spulàta

de senzzazioni mìe

 

te sbàlzza te strabàlta

e j scàlmi fà ‘n vulo’

ntel fondu ‘nte la màlta

p’r’ indo’ che fòga gio’

 

se sfàra i’ ‘sti sfragèli

de londe cagnaròle

anco’ ‘sti riturnèli

de mòmule paròle

 

sti cànti tùti spàsi

slaciàti da le cìme

è tànti lùti evàsi

che sciàlpa ‘ntel sublime

 

 

 

nel sublime

 

barcaccia sciolta / da gomene da corde /

un colpo di bufera / di sensazioni mie /

ti sbalza e ti rovescia / e volano gli scalmi /

nel fondo nella malta / per dove affogano giù /

si sfasciano in questi disastri / di onde litigiose /

anche questi ritornelli / di misere parole /

questi canti tutti sparsi / slacciati dalle corde /

son’ tanti lutti evasi / che salpano nel sublime /

 

 

 

 

 

Un papulo’

 

Un papulo’ ruscétu (1)

che sdìnguli ‘ntel còre.

Drént’ a la piàga un gètu

de ‘st’aguntànu fiore.

 

Un tulipano

Un tulipano rossiccio / che dondoli nel cuore. /

Dentro la piaga un germoglio / di questo anconitano fiore. /

 

  1. papulo’ , tulipano campestre che abbonda nelle zone

vicine al Monte Cònero

 

 

 

 

A 'st'òmi papagnòchi

 

 

 

Sbìgia su la ciugàja

de cagnàre 'na néngue

i' 'sta vìta che sbàja

sènzza ragio' de léngue.

 

 

Mèju cuscì si sbiànca

'sta cuvèrta de fiòchi:

fà la pàce che mànca

a 'st' òmi papagnòchi.

 

 

 

 A questi uomini ingenui

 

Cade sopra il pietrisco / di litigi una neve /

in questa vita che sbaglia / senza ragione di lingue. /

Meglio così se imbianca / questa coperta di fiocchi: /

fa la pace che manca / a questi uomini sempliciotti. /

 

 

 

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

CURRICULUM

Il curriculum e' presentato tramite links da consultare

 

Andrea Panzini Emersberger
Poeta Vernacolare Anconitano 

andrea-panzini-emersberger.webnode.it


Vice-Presidente Associazione "Mario Panzini"
Laboratorio Permanente del Vernacolo

tel cell 340. 3269654
andrea_panzini@yahoo.it
Via Irnerio 25 int. 7 40126 Bologna

 

 

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE