SORBELLO FRANCESCO

FRANCESCO SORBELLO

POESIE DIALETTALI -SICILIA

  

      FINALISTA al premio dialettale di PORTO RECANATI

                "LA PURTANNARA "    3°EDIZ 2011

 

 

U suli d’austu ca spunta do mari

 

u suli d’austu ca spunta do mari

è l’amuri ca si svigghia u matinu

lu chiantu di picciriddu na linzolu di linu,

è spiranza ri marinari

timuri ri mogghieri ca chiangi p’amuri

la so priera o Signuri,

è nu vecchiu cuntadinu

na fimmina di cantari

nfigghiu di fari studiari

picchì assicuti n’autru distinu

 

u suli d’austu ca spunta do mari

è ‘nviaggiu na vita, cu tia, amuri miu

ca cecchi ancora Diu,

è stringiri a to manu

truvari forza pi fariti sugnari

abbadari o to cori

picchì non vogghiu ca ddà u suli mori

 

u suli d’austu ca spunta ro mari

amicu miu si Tu

i sogni nostri ca non ci sunu cchiù,

n’onda di cavaccari

comu na granni pinsata

u nostru vuciari e u nostru vulari

 

u suli d’austu ca spunta do mari

è ’mpadri ca non c’è chiù

ca non sacciu unni ciccari

ma ca viu, figghiu, ‘ntia

ne to occhi e no to visu

ca su a me vita e u me surrisu

 

u suli d’austu ca spunta do mari

è a vita ca aiu vulutu sempri amari

comu a tia, figghiu, ca si a me canzuni

come a tia muggheri ca si i me stagiuni

 

 

 

 

Il sole d’agosto che spunta dal mare

 

 

il sole d’agosto che spunta dal mare

è l’amore che si sveglia il mattino

il pianto di un bambino in un lenzuolo di lino,

è speranza di marinai

timore di moglie che piange per amore

e la sua preghiera al Signore,

è un vecchio contadino

un figlio da far studiare

perchè insegua un altro destino

 

il sole d’agosto che spunta dal mare

è un viaggio nella vita, con te, amore mio

che cerchi ancora Dio,

è stringere la tua mano

trovare forza per farti sognare

badare al tuo cuore

perché non voglio che li il sole muore

 

il sole d’agosto che spunta dal mare

amico mio sei tu

i nostri sogni che non ci sono più,

un’onda da cavalcare

come una grande idea

il nostro gridare e il nostro amare

 

il sole d’agosto che spunta dal mare

è un padre che non c’è più

che non so dove cercare

ma che vedo, figlio, in te

nei tuoi occhi e nel tuo viso

che sono la mia vita e il mio sorriso

 

il sole d’agosto che spunta dal mare

è la vita che ho voluto sempre amare

come te, figlio, che sei la mia canzone

come te, moglie, che sei le mie stagioni

 

                                      *************************

                      SORBELLO FRANCESCO

FINALISTA al premio dialettale LA PURTANNARA 3°EDIZ 2011

 

BIOGRAFIA-Francesco Sorbello nasce a Catania il 27 settembre 1961 ma vive e si forma ad Acireale. Frequenta le scuole obbligo, sino al v ginnasio, presso il glorioso Collegio Pennisi e poi il liceo classico Gulli e Pennisi. Condivide ogni fase della vita, sino a tutt'oggi, con gli amici storici, proprio con i quattro compagni conosciuti tra i banchi della scuola elemntare. . Dopo una prima esperienza professionale presso l'Istituto Giacomo Leopardi di Ferrara, nel novembre del 1995 entra in Confcommercio Catania, specializzandosi in urbanistica commerciale. Nell'ambito della propria esperienza professionale è relatore in importanti convegni in materia di economia, docente - coordinatore didattico e tutor in corsi di specilizzazione professionale. Ama la musica dei cantautori italiani, ed in particolare quella di Vecchioni, De Gregori, Venditti, De Andrè.

PUBBLICAZIONI E CONCORSI- "La Purtannara" è il primo concorso di poesia a cui partecipa, classificandosi tra i finalisti. Nella composizione dei propri versi trova ispirazione nel dolore per la morte dei genitori (Gli occhi Tuoi), nelle meraviglie della natura (Il sole d'agosto che spunta dal mare) e nelle problematiche sociali ( C'era una volta la piazza).



 

 

 

c’era na vota a chiazza

 

ravanti a chiesa da Santuzza

c’è u liotru di gustu baroccu, m’punenti

attagghiu l’acqua o linzolu

e poi u palazzu di li putenti

 

era a chiazza de catanisi

era preiu era vantu era amuri

era na famigghia e ‘nfighiu ca curi

na scinnuta a piscaria, vuci e surrisi

e poi pi vuci vacanti e omini d’affari

ca vinevunu d’ogni paisi

arristavunu soddi e rioddi cari

 

era a chiazza di tutti,

di dutturi e pussidenti

e di cu n’aveva nenti,

di masculi e fimmini

nobili e rotuli rutti

 

erunu autri tempi

c’era sennu e puisia

pulitici cu sintimenti

di parola e cottesia

 

ma, si sapi, i tempi passunu

lu munnu cancia,

ni lu pulazzu di li putenti

trasiu eguismo e malaffari

e nisceru li sentimenti ..

.. picchì non sanu chiù amari

 

fu accussì ca a chiazza de catanisi

si scuddau di ballati e surrisi

di beddi fimmini e picciriddi

di lu passiu pi negozi

e arristau sula e senza figghi

 

fu accussi ca a chiazza de catanisi

pi manu di omini tristi

e pulitici senza cori

fu pi sempri abbannunata

chianu chianu finiu pi moriri

e o so distinu fu rassignata...

 

 

 

      c’era una volta la piazza

 

davanti la chiesa della Santa (Sant’Agata)

c’è l’elefante di stile barocco, imponente

accanto un lenzuolo d’acqua (la fontana dell’Amenano)

e poi il palazzo dei potenti

 

era la piazza dei catanesi

era gioia era vanto era amore

era una famiglia e un figlio che corre

una discesa alla pescheria, voci e sorrisi

e poi per gente senza arte e uomini d’affari

rimanevano soldi e ricordi cari

 

era la piazza di tutti

di dottori e possidenti

e di chi non aveva niente

di uomini e donne

nobili e malandrini

 

erano altri tempi

c’era senno e poesia

politici con sentimenti

di parola e cortesia

 

ma, si sa, i tempi passano

il mondo cambia,

nel palazzo dei potenti

entrò egoismo e malaffare

e son usciti i sentimenti …

perché non sanno più amare

 

fu così che la piazza dei catanesi

si dimenticò di ballate e sorrisi

di belle donne e bambini

del passeggio per negozi

e rimase sola e senza figli

 

fu così che la piazza dei catanesi

per mano di uomini tristi

e politici senza cuore

fu per sempre abbandonata

pian piano finì per morire

ed al suo destino fu rassegnata

                           *************************************

 

 

 

 

 .. l’occhi to

 

l’occhi to staiu a taliari

pa ritruvari me stissu

ntempu ca non c’è ccchiù

pi sapiri dumani c’avia a riuddari

 

ni l’occhi to

viru u nostru munnu

u portu vecchiu

na fogghia d’autunnu,

cima di montagna annivata

n’acidduzzu appuiarisi na campanili

nfigghiu ca joca na ‘ncurtili

prima di l’ultima sunata,

varca china di lamentu pi la scassa piscata

nu marinaru ca preia u mari

cuntadinu ca leggi u cielu

pi putiri siminari

 

ni l’occhi to

viru a nostra storia

nu vancu di scola

o mari ‘nsemi, ‘nvasuni e via

corpi iungiuti e pinseri ca vola,

na spiranza ca fu cirtizza

ncori ca truvau amuri

cummattiri sorti e duluri

n’amuri divinutu vita

 

ni l’occhi to

viru pi uttimu sta jurnata

ca è la vita a so firmata,

lu me granni turmentu

picchì a vuci to cchiù non sentu,

ora però sapia cchi riuddari

lu nostru amuri ca sarrà u me chiantu

e i to occhi sempri u me cantu

 

                           

           gli occhi tuoi

 

gli occhi tuoi sto a guardare

per ritrovare me stesso

un tempo che non c’è più

per sapere domani cosa ricordare

 

negli occhi tuoi

vedo il nostro mondo

il porto vecchio

una foglia d’autunno

vetta di montagna innevata

un uccellino poggiarsi su un campanile

un figlio che gioca in un cortile

prima dell’ultima suonata,

barca piena di lamento per la scarsa pescata

un marinaio che prega il mare

un contadino che legge il cielo

per poter seminare

 

negli occhi tuoi

vedo la nostra storia

un banco di scuola

al mare insieme, un bacio e via

corpi uniti e pensiero che vola

una speranza che divenne certezza

un cuore che trovò amore

combattere sorte e dolore

un amore divenuto vita

 

negli occhi tuoi

vedo per ultimo questa giornata

che è la vita alla sua fermata,

il mio grande tormento

perché la voce tua più non sento,

ora però so cosa ricordare,

il nostro amore che sarà il mio pianto

e i tuoi occhi che saranno il mio canto

 

 

 

 

 GRUPPO CULTURALE
GRUPPO CULTURALE